Eventi

Logo Bellunum

Progetto educazione ambientale 2016-17 nelle scuole dei comuni di Limana e Trichiana

Lo scorso novembre, la Società Bellunum ha presentato a tutti gli asili del territorio comunale, pubblici e privati, il Progetto di educazione ambientale “Chi ben comincia… fa la differenza”: un’iniziativa gratuita a misura dei più piccoli, alla quale ha aderito la maggior parte delle scuole materne invitate a partecipare.

La proposta iniziale è stata elaborata dalla Cooperativa locale “Società Nuova”, che ha definito i contenuti
educativi e sviluppato i metodi didattici più adatti per veicolare ai bambini il concetto della raccolta
differenziata e del riciclo dei rifiuti. Presso ciascuna scuola si sono dunque svolti incontri formativi ludico-didattici
della durata di circa un’ora, tenuti da un Educatore e destinati a una platea di 15/20 bambini per
volta, dai tre ai sei anni, divisi per fasce di età. Pupazzi creati con materiali di recupero, fantasiose
rappresentazioni animate, storie e giochi didattici sul tema del rispetto dell’ambiente hanno appassionato
tutti i bambini e li hanno aiutati in maniera divertente a crearsi un utile eco-vocabolario e ad assimilare i
preziosi gesti quotidiani del riciclo.
Bellunum, che ha supervisionato e coordinato l’intera iniziativa, ha arricchito la proposta di Società Nuova
intervenendo con la consegna, a ciascuna scuola partecipante, di alcuni piccoli contenitori "parlanti" in
cartone ecocompatibile, pensati a misura di bambino per la raccolta differenziata di VPL (vetro-plastica-lattine),
carta e cartone, il cui utilizzo è stato illustrato nel corso degli incontri formativi. E, a conclusione
dell’iniziativa, la Società ha messo a disposizione il CAM (Centro Ambiente Mobile) portandolo in prossimità
delle scuole in occasione di alcune visite guidate concordate: i bambini, accompagnati da due addetti di
Bellunum e da questi intrattenuti con avvincenti animazioni, hanno potuto conoscere e vedere in azione
questa affascinante struttura attrezzata e hanno imparato, con utili prove pratiche, che alcuni rifiuti non
possono essere conferiti nei bidoni stradali, in quelli di casa o in quelli della scuola, ma devono invece
essere portati direttamente all’Ecocentro (fisso o mobile).
Ai protagonisti dell’iniziativa sono state regalate delle tesserine nominative che li promuovono
ufficialmente “fatine e maghetti della raccolta differenziata”. E nessuno dubita che siano diventati davvero
degli esperti in fatto di riciclo e che, anzi, d’ora in avanti possano a loro volta vigilare efficacemente sulle
abitudini familiari di gestione dei rifiuti di casa.

BambiniAsilo esteso01 

Questo sito utilizza dei cookies per il suo corretto funzionamento. Proseguendo nella navigazione si accetta l'installazione di tali cookies.